info e ordini
081/5033221
334/6753306

Addolcitori, perché ricorrervi

Gli addolcitori possono servire a tutti, perché sono dei particolari strumenti atti a ridurre la durezza dell’acqua.

Preservare il buono stato di una costruzione, sia essa un’abitazione privata o un negozio, o un ambiente di carattere pubblico o industriale, è sempre importante. A volte, però, si devono fronteggiare nemici invisibili, come la durezza dell’acqua, che può essere trattata con gli addolcitori. Ma di cosa si tratta?

Viene definita «acqua dura» quell’acqua che presenta una quantità eccessiva di minerali di calcio e magnesio, che possono diventare accumuli di calcare, danneggiando così tubazioni, condutture, impianti industriali, caldaie, boiler, pannelli solari. Gli addolcitori riducono la concentrazione di questi minerali, scongiurando così il pericolo.

Ma come funzionano gli addolcitori? Il loro nome completo è addolcitori a scambio ionico, perché, in pratica, scambiano ioni di magnesio e ioni di calcio con ioni di sodio. Il tutto avviene grazie ad apposite resine, che rendono possibile tale scambio. Le resine devono essere, di tanto in tanto rigenerate, tuttavia questo rappresenta il metodo più comune per addolcire l’acqua.

In ambito domestico, è fondamentale addolcire l’acqua, perché un’acqua molto dura potrebbe rappresentare un pericolo per elettrodomestici che si avvalgono dell’uso di H2O, come lavatrici e lavastoviglie. Non solo: l’acqua addolcita riduce l’utilizzo di sapone e detergente, oltre che evitare formazioni calcaree su vasche da bagno, docce e sanitari in genere.

Aggiunto alla categoria Trattamento acque il 29/04/2016